SiNarra
Corso scrittura creativa

con Silva Gentilini

"Le parole sono tutto ciò che abbiamo, perciò è meglio che siano quelle giuste”
Raymond Carver

corso scrittura creativa 2020

i nostri sostenitori hanno diritto al 30% SCONTO

Organizzato da

Fondazione PesciolinoRosso

Gavardo (Brescia)

27-29 Agosto 2020

20 iscritti

Livello base

silva gentilini corso scrittura

IL RELATORE

Silva Gentilini

Nata a Orbetello nel 1961, Silva Gentilini ha lavorato per ventiquattro anni come consulente story editor per Mediaset e in qualità di scouting per Endemol. Come giornalista free-lance ha collaborato per Cosmopolitan sotto la direzione di Franca Rossi, Moda e King sotto la direzione di Vittorio Corona.


Ha pubblicato poesie e racconti con il poeta Roberto Roversi su La Tartana degli influssi, partecipando a reading letterari a Bologna e dintorni. Inserita nella Lista d’Onore al Premio “Archivio Diaristico Nazionale” di Pieve Santo Stefano con il racconto “Come la Marea”.


A novembre 2017 è uscito per Mondadori il suo primo romanzo, Le formiche non hanno le ali, che ha ricevuto molteplici riconoscimenti tra cui: Premio Letterario Internazionale Città di Cattolica, Premio Nazionale Argentario, Premio Internazionale Art Festival Spoleto, Premio Internazionale Capalbio.

Con la sua silloge di poesia "Il coperchio di gesso", ha vinto il Premio Letterario Milano International 2019, per la sezione silloge poetica.

Dal 2017 è testimonial ufficiale della Fondazione PesciolinoRosso, portando la sua storia in tutta Italia, per sensibilizzare al problema della violenza di genere e degli abusi familiari vissuta in prima persona. E’ Presidente del Premio Letterario “Emanuele Ghidini” e giudice nel Premio Letterario “Amore sui Generis.”

A chi è rivolto il corso scrittura creativa?

Il corso è stato studiato per chi si affaccia per la prima volta al mondo della scrittura, ma è adatto anche a chi desidera migliorare la sua scrittura con nuovi strumenti.

Alla fine del corso avrai

scrittura creativa corso 2020

Un racconto fino a 10.000 battute (spazi inclusi)

  1. Dispense cartacee sul corso
  2. Esercizi formativi
  3. Una video sessione 1:1 con l'insegnante di 60 minuti nei giorni seguenti

I VANTAGGI DI PARTECIPARE A QUESTO CORSO

> Qualità dell'insegnamento
Silva Gentilini, grazie alla lunga esperienza di editor e scrittrice, durante il corso di scrittura ti consegnerà contenuti di altissimo valore che faranno la differenza nel tuo percorso da scrittore;

> Confrontarti con scrittori di valore
Incontrerai persone che hanno reso la propria vita straordinaria grazie alle loro esperienze e hanno trasferito questo in libri di successo:


Silva Gentilini, relatore del corso - editor in Mondadori, Fininvest e Mediaset, autrice del libro Mondadori “Le formiche non hanno le ali”
;

Gianpietro Ghidini, presidente della Fondazione PesciolinoRosso - autore del libro best seller genitori-figli Lasciami Volare (100k copie vendute)
.

> Avrai un racconto completo
Al termine del corso di scrittura creativa, non solo avrai il tuo racconto completo, ma anche gli strumenti per scriverne altri e pensare la strada del romanzo.

> Essere inserito in un'antologia di racconti
Partecipando al nostro corso scrittura creativa hai la possibilità di essere inserito in una antologia di racconti a cura della Fondazione PesciolinoRosso.

corso di scrittura creativa
Corso genitori e adolescenti 2020-10


Tre giorni insieme

Un confronto personale sui temi della narrativa, per aiutarti a trasformare la tua storia in uno scritto avvincente, che sappia catalizzare l’interesse del lettore.

L’importanza di rendere un racconto avvincente

Ognuno di noi ha una storia da raccontare.

Progettare un racconto o un romanzo autobiografico, è l’opportunità per superare un trauma, ma anche per elaborare un lutto, un abbandono, un cambiamento.

Ma per farlo ti occorre “la cassetta degli attrezzi” che non sono soltanto le parole.

Gli attrezzi  del mestiere sono tutto ciò di cui hai bisogno per progettare la tua storia.

Come una storia deve essere raccontata

C’è chi ha un talento naturale nella scrittura, riuscendo a trasmettere con facilità concetti ed emozioni. E forse tu sei tra questi.

Il talento non si insegna dirai, è vero.

Ma quelli che hanno il desiderio di scrivere necessitano della cassetta degli attrezzi.

corso scrittura romanzo 2020


Una delle tecniche che vedrai nel corso utilizzate dai veri scrittori:
> "Show, don't tell"

ovvero “rappresenta con immagini piuttosto che spiegare con dettagli noiosi”.

Questa tecnica è alla base della scrittura che non deve essere un elenco di fatti accaduti, bensì mostrare mentre accadono. Occorre narrare.

La differenza? 

Ecco un esempio:

“Chiara odiava il clima invernale” 

Oppure  

“L’anno passò lentamente per Chiara. Odiava particolarmente il freddo pungente del nord, poco abituata a quel clima. Restava in casa nei pomeriggi che passavano uguali tra le correzioni dei compiti e le telefonate alle amiche.”


Il programma del corso di scrittura creativa di tre giorni

i nostri sostenitori hanno diritto al 30% SCONTO

Il corso si terrà a Gavardo (Brescia), a due passi dal Lago di Garda, da giovedì 27 a sabato 29 Agosto 2020.

Giovedì la giornata inizierà alle ore 11:00 e si chiuderà alle 17:00, mentre venerdì e sabato inizia alle 9:30 fino alle 17:00 (considera la pausa pranzo di un paio d'ore).

La giornata è suddivisa in argomenti fondamentali che utilizzerai quotidianamente nella composizione della tua opera.

Per conoscere i dettagli di ogni argomento clicca il titolo della sezione.

INTRO La storia di chi l'ha raccontata

Gli stili e i generi letterari

La Narrativa può essere suddivisa in narrativa letteraria e narrativa di genere.

La narrativa letteraria è fatta da storie che si rivolgono ad un élite di lettori e comprende un narrare che può essere considerato una forma d’arte.

La narrativa di genere abbraccia storie fruibili, di molti generi diversi: da quello di formazione al giallo al noir , dal genere d’avventura a quello d’azione. Dal genere storico al legal thriller, a quello per ragazzi. Dal genere fantasy a quello del terrore, o il romance e young adult e diversi altri generi meno conosciuti.

Tutti i tipi di narrativa sono ugualmente validi, l’importante è saper unire intrattenimento e significato.

La forma del racconto

I racconti sono il modo migliore per iniziare a scrivere narrativa.

Occorre meno tempo a disposizione e meno tempo per strutturare il proprio lavoro. Il racconto è una forma narrativa essenziale: non si possono fare giri di parole, ogni parola è importante e va dosata come si farebbe per la buona riuscita di una ricetta.

Il racconto deve riuscire a portarti nel suo mondo utilizzando uno spazio ben definito; come ogni narrazione, ha bisogno di un’idea, anche semplice.

Un dialogo ascoltato, una porta che sbatte, un sogno appena fatto; la realtà che ci circonda ci offre spunti di ogni tipo per iniziare un racconto.

Carver amava dire come una telefonata ricevuta per sbaglio, introducesse inaspettatamente l’uomo della chiamata dentro un suo racconto e ne cambiasse le regole.

La caratterizzazione dei personaggi

Ogni personaggio deve possedere una caratteristica essenziale: il desiderio.
Desiderio di amare, di vendicarsi, di realizzare un sogno, di partire, di lasciare qualcuno, di vincere: deve volere qualcosa e trascinare il lettore in questo sentimento.

In un racconto il desiderio del protagonista dovrà essere molto più evidente e dichiarato che in un romanzo. Abbiamo meno tempo a nostra disposizione, dobbiamo rendere chiara la molla che spinge il protagonista a muoversi.

Sporchiamoci le mani con la caratterizzazione, cogliamo l’angolatura diversa.

Il protagonista e l'antagonista

il protagonista è l'eroe della storia. Il desiderio del protagonista, dovrà essere molto evidente e dichiarato che in un romanzo.

Nel racconto abbiamo meno tempo a nostra disposizione. Evitiamo eroi banali; il bambino buono e indifeso, la mamma paziente, la malata coraggiosa.

Il nostro eroe può essere avere molte sfaccettature, essere poco prevedibile.

Senza un antagonista la storia risulterebbe monca. L'antagonista è l'avversario principale dell'eroe della storia, questo non vuol dire che sarà un essere malvagio, o un assassino, ma funzionerà da ostacolo nel percorso del protagonista.

L'antagonista può comparire solo all'inizio della storia o per tutto l'arco narrativo, oppure soltanto al momento conclusivo e solitamente viene sconfitto.

Esistono molteplici varianti al ruolo dell’antagonista, cercheremo di carpirne le sfumature.

I dialoghi

I dialoghi hanno la funzione essenziale di definire i personaggi. Come dicono le cose, quello che dicono, cosa non dicono, sono elementi caratterizzanti della personalità e del pensiero.

I personaggi NON possono avere la stessa voce, né l’identico sentire, una donna di cinquant’anni non potrà esprimersi come un’adolescente o come un uomo.

Non fate parlare i vostri personaggi in modo finto, non credibile. Una buona trama con dei personaggi non credibili, non funzionerà.

I dettagli

I personaggi vanno tratteggiati, la storia deve dipanarsi, ma attenzione: c’è un limite alle cose che potete mostrare o raccontare, non si può raccontare Tutto.

Dobbiamo imparare a cestinare i dettagli inutili, anche se per voi sono importanti, dovete chiedervi quanto in effetti lo siano per il lettore.

C’è bisogno davvero che si sappia che Ettore era una uomo buono, che cosa amava mangiare, che pensava delle lenzuola appena lavate e della telefonata di quel suo amico che non sentiva da anni? Cosa fa Ettore? Cosa desidera? Non dimenticarti quello che vuoi raccontare.

La struttura della trama

La struttura è inseparabile dalla Trama, è la forma che mantiene la sequenza di accadimenti in un certo ordine. E’ composta da tre momenti essenziali: l’incipit, la parte centrale e quella finale.

Molti lettori basano il proprio giudizio dall’incipit di una storia. E’ dalle prime battute che conquisterai il lettore: un buon incipit deve acchiapparti e portarti con sé, con la voglia di vedere cosa hai ancora da dire.

Nella Parte Centrale, la lotta all’interno del narratore cresce al massimo livello, non perdere mai il contatto con l’obiettivo del protagonista.

Nel finale tutti i nodi vengono al pettine, il che si risolve con le tre C: crisi, climax e conseguenze.

Affronteremo ogni punto con attenzione, perché la struttura è la colonna vertebrale di una storia.

Il conflitto

La trama dipende dal conflitto che può assumere forme diverse.

Alcuni ostacoli vengono dall’esterno: da situazioni complesse o dagli antagonisti, dalla natura, o da un destino beffardo. Altri però arrivano dall’interno: nella mente dei personaggi, tra il desiderio e la paura.

Più il conflitto è articolato, più il lettore sarà coinvolto.

Il punto di vista

Prima di scrivere la vostra storia, qualunque essa sia, dovete decidere il punto di vista del narratore, la cui scelta influenzerà inevitabilmente anche il tono e l’argomento.

Prevalentemente vengono usati due modi con diversi utilizzi.

La storia narrata in prima persona offre ampie possibilità, arriva in maniera potente sulla scena, senza alcuna barriera tra la coscienza del personaggio e il lettore. La prima persona offre la possibilità di narrare utilizzando degli escamotage.

La terza persona ha un pdv (Punto di Vista) differente, non a caso esiste la formula usato del Narratore Onnisciente che utilizza la terza persona sfruttando alcuni poteri dell’onniscienza: entrare nella mente di tutti i personaggi, descrivere elementi nascosti, interpretare una situazione, rivelare persino eventi futuri.

Come rappresentare i sentimenti

Se non vogliamo che la nostra storia diventi uno sterile elenco di eventi, dobbiamo imparare ad usare i nostri sensi.

Dipingere le sensazioni che provano i protagonisti, trasferirle nel loro pensiero con una fisicità, noi siamo tutto quello che vediamo, ascoltiamo, odoriamo, tocchiamo e assaporiamo.

Niente liste della spesa quindi: la scrittura, anche quella di evasione, deve tirarci dentro e farci vedere sentire annusare insieme ai suoi protagonisti.

Dove e quando

Poter viaggiare nei luoghi e nel periodo storico di un racconto, è uno degli aspetti più interessanti della lettura. Tempo e spazio hanno un grande impatto sulla narrazione e su tutti gli elementi della storia. Così, le condizioni climatiche influenzano l’immaginario perché fanno cambiare il modo di comportarsi dei personaggi.

Se vivi dove piove sempre, lo stato d’animo e le azioni risulteranno impregnate di quella atmosfera, altrettanto per le indicazioni climatiche che aiutano in modo istintivo, a sentirsi fisicamente nel luogo descritto. Stesso discorso vale per le diverse ore della giornata: lo stesso luogo, anche una casa, sarà ben diverso se descritto di giorno o nelle ore notturne.

A volte l’ambientazione diventa preponderante, assumendo l’importanza di un personaggio vero e proprio, succede in molti romanzi e racconti e lo vedremo con attenzione.

Condivisione finale

Dedicheremo le ultime ore a nostra disposizione alla lettura del vostro testo.

Ogni partecipante avrà la possibilità di leggerne anche solo una parte a sua discrezione, dopo essere stato seguito nella stesura. Se il racconto non sarà ultimato nelle tre giornate, continuerà a lavorarci interfacciandosi con il relatore fino a lavoro concluso.

Sarà possibile far nascere delle riflessioni spontanee, chiacchiere, bibite e snack, con la spinta per tutti, a proseguire il lavoro di revisione con il relatore.

Come partecipare

Il Corso di Scrittura Creativa a cura di Silva Gentilini si terrà dal 27 al 29 Agosto 2020 a Gavardo (BS) presso la sede della Fondazione PesciolinoRosso.

Il costo per le tre giornate formative è di €350.

i nostri sostenitori hanno diritto al 30% SCONTO

Domande frequenti

Posso prenotare per telefono?

Certamente, hai due opzioni:
- Chiamare
Scrivere su Whatsapp

Qual'è l'indirizzo preciso del corso?

l corso si terrà presso la sede della Fondazione PesciolinoRosso a Gavardo (BS) in via S. Maria 2 (a pochi minuti dal Lago di Garda)

PER INFORMAZIONI
Chiama
Scrivi su Whatsapp

Se vengo da lontano dove posso dormire?

Presso la sede del corso, sono presenti due appartamenti da 2 a 6 persone.

PER INFORMAZIONI
- Chiama
- Scrivi su Whatsapp

Cosa avrai alla fine del corso

Alla fine del corso ogni partecipante riceverà un attestato di frequenza rilasciato dalla Fondazione PesciolinoRosso.

Avrai un romanzo completo e strumenti per realizzarne di altri.

Inoltre, avrai la possibilità di essere inserito in un'antologia di racconti e rimanere proprietario del tuo racconto.

Promuove l'iniziativa

logo pesciolinorosso

© Fondazione Ema PesciolinoRosso. Tutti i diritti riservati I Privacy Policy